Le ultime “notti in bianco” di Blanco tra sorrisi e leggerezza

Simbolo dei giovani e dei vip italiani, mette d’accordo davvero tutti  confermandosi la star più irriverente del panorama musicale italiano, pronto per l’Eurovision insieme a Mahmood

È davvero difficile tenere il passo di Blanco. Il 19enne bresciano è tra i personaggi italiani maggiormente sotto le luci della ribalta nell’ultimo anno, continuando a collezionare consensi ed incredibili step. Qualcuno potrebbe dire che stia bruciando le tappe, eppure, con un sorriso spontaneo, gli occhi vivaci e l’amore incondizionato per la musica, caratterizza ogni mossa con estrema naturalezza, quasi avulsa allo showbiz. Vincitore insieme a Mahmood dell’ultima edizione di Sanremo con la splendida ballata “Brividi” ed in testa a tutte le classifiche con il suo primo album “Blu celeste”, ha dato il via al lunghissimo tour che lo vedrà in palazzetti e palchi di tutta Italia fino all’estate inoltrata. Un successo annunciato, con i biglietti di ogni tappa sold out in pochissimi minuti e che vanno a ruba anche tra i Vip, che fanno a gara per assistere ad un suo show.

Tra loro anche Sangiovanni, che condivide con Blanco non solo la grande popolarità improvvisa ma anche la giovanissima età. Proprio il cantante ex scuderia Amici, è stato pizzicato alla tappa milanese del tour di Blanco, assalito dalle fan in platea. Con la stessa naturalezza, ha spiegato la necessità di vivere la propria vita tramite una quotidianità semplice, fatta di piccoli momenti felici come l’emozione di un concerto, quello che spera di vivere su un palco, così come Riccardo. Sì, perché Blanco prima di essere la star della musica italiana è proprio Riccardo, un ex calciatore che, improvvisamente, con le scelte giuste, si è ritrovato a scrivere e gorgheggiare per milioni di persone.

Mai però, avrebbe immaginato di cantare un giorno dopo la messa di Papa Francesco a Roma, davanti ad 80.000 persone. Un raggio di sole, un completo bianco ed un pianoforte lungo, a coda, fido amico insieme a Michelangelo, produttore e musicista che si accompagna a lui ormai da anni. Come sempre, anche in questo caso, le polemiche sterili sono dietro l’angolo. “Un cantante che inneggia a slip e donne non può cantare in Piazza San Pietro”, seppure, dalla sua vibrante ed emozionante voce, sia stata interpretata la stupenda “Blu celeste”, poesia in musica dedicata ad una persona speciale che non c’è più. La risposta migliore è stata proprio in quella piazza, unita in preghiera ma che in massa ha cantato tutte le strofe del suo brano.

Da simbolo d’unione tra il passato ed il futuro, quello dei giovani, l’ingenuità di un momento tutto da vivere. Ed ovviamente non si scappa mai all’occhio onnipresente dei social, che immortalano ogni momento, anche quelli imbarazzanti. Durante il suo tour, Blanco non si risparmia e non è nuovo a colpi di scena. Outfit irriverenti, discorsi spontanei e tanto, tanto pubblico, il vero protagonista del suo successo. All’Atlantico di Roma però, è successo qualcosa di incredibile, con un video subito diventato virale. Dopo aver cantato “Notti in bianco”, uno dei suoi pezzi cult, ha deciso di lanciarsi sulla folla inneggiante di schiena ma nessuno l’ha preso, cadendo così di botto. Un sorriso, una risata e via, come se nulla fosse mai accaduto, facendo persino ironia su se stesso: “Grazie, Roma, mi avete spaccato! State tutti bene?”. Una controllata alle ossa e via, per un nuovo viaggio che farà tappa a maggio a Torino per l’Eurovision insieme a Mahmood, altra chance irripetibile a caccia di un sogno. Perché è proprio questo il bello di avere 19 anni ed essere Blanco: non prendere mai tutto troppo sul serio.

Ti piace? Condividi con i tuoi amici
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest
Share on reddit
Reddit