4° Osservatorio Social Network: L’Analisi Cocktail

osservatorio social network

Le informazioni ottenute dall’Osservatorio dei Social Network sono piuttosto interessanti e coincidono con la percezione che ho avuto personalmente, quindi le userò sicuramente per futuri articoli in questo blog. Al momento in questo post condivido il documento e anticipo le principali conclusioni tratte dai suoi autori: siamo in un momento di “complessità” e consolidamento della mobilità nell’uso dei social network.

Sulla base di un campione di 1.304 indagini e 26 interviste in profondità e l’applicazione di una cluster analysis, questo osservatorio rileva tre profili di utenti:

  1. Il ” Controllore Sociale ” che rappresenta il 40% degli utenti: Età media 33 anni; il 95% usa Facebook; utilizza 1.4 social network puri; scarsa presenza nelle comunità tematiche; la loro motivazione principale è il contatto con la cerchia di amici.
  2. Il “ Social Media Adict ” che rappresenta il 25% degli utenti: Età media 31 anni; il 91% usa Twitter; 3.1 sono i social media puri che usa; elevato utilizzo della connessione mobile; alta partecipazione alle comunità tematiche; la sua motivazione è la capacità di espressione e la professionalità.
  3. I “ Giovani in Ricerca ” che rappresentano il 35% degli utenti: Età media 25 anni; il 74% usa Tuenti; l’utilizzo medio delle reti pure è 2,9; partecipa a comunità tematiche di Musica, Cinema e Moda; la loro motivazione principale è perché è di moda usare i social network.

Ci sono quattro caratteristiche principali dell’uso dei social network in Spagna che evidenziamo in base ai dati dello studio:

  1. Sofisticazione dell’utente. Ogni individuo utilizza più reti rispetto allo scorso anno, lo fa da più dispositivi diversi (computer, smartphone, tablet, …) e il loro utilizzo aumenta. Le preoccupazioni sulla privacy stanno crescendo.
  2. Il momento dei principali network: Facebook, Twitter e Tuenti. Il dominio di Facebook è consolidato, (85%), dove i suoi utenti ritengono che sia necessario (“obbligatorio”) essere perché si perderebbe troppo. Tuenti (36%) resta la seconda rete ma perde slancio e non cresce. Twitter (32%) è il network della moda, mostra un boom, raddoppiando il numero di utenti rispetto allo scorso anno.
  3. Marchi nei social network: accettati con limitazioni, conviene evitare l’euforia del marketing . I marchi sono seguiti dagli utenti e la loro presenza è naturale per i consumatori perché mantiene la libera fruizione delle reti e perché per loro sono un argomento di conversazione comune. Tuttavia, richiede loro benefici tangibili, che non siano invadenti, il rispetto dei dati personali e un tono di comunicazione appropriato (né troppo informale, né troppo aziendale). Su Facebook, il 65% delle persone lo fa con una media di 2,3 punti. Su Twitter il 33% con una media di 2,16 e su Tuenti il ​​32% con una media di 1,38.
  4. Questo non è il momento per il commercio elettronico nei social network. Non trovano attraente F-Commerce né vedono molti vantaggi nel suo utilizzo. Solo 1 utente su 20 dichiara di aver acquistato in questi negozi. Tuttavia, la prescrizione è importante: il 34% dichiara di avere un prodotto tecnologico derivato da un commento di un contatto in uno di essi, il 24% un prodotto moda e il 21% un prodotto o servizio di telefonia mobile.

Modulo quantitativo: sondaggio online sugli utenti di Internet di età compresa tra 16 e 45 anni, ponderato per la popolazione di utenti di Internet l’ultimo giorno. Dimensione del campione: 1.304 individui. Errore campione: 2,7%. Livello di confidenza del 95,5%, p = q = 50%.

Modulo qualitativo: 26 interviste in profondità realizzate dopo 14 giorni di diari etnografici sull’utilizzo dei social network.

Ti piace? Condividi con i tuoi amici
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram
Share on pinterest
Pinterest
Share on reddit
Reddit